Connect with us

News

Andreazzoli fuga ogni dubbio: “Daremo il massimo. Salernitana in salute, stimo Nicola”

L’obiettivo stagionale è già raggiunto, ma l’Empoli di Aurelio Andreazzoli non regalerà nulla alla Salernitana domani al Castellani: “Le sensazioni escono fuori dall’allenamento della settimana. E questa settimana ho visto una squadra che si è allenata bene anche stavolta. Siamo ancora un po’ infastiditi dell’ultima partita, conoscevamo la forza degli avversari, qualcosa ci è stato tolto ma per far risultato dobbiamo migliorare. Sappiamo che non siamo nelle stesse condizioni ma questo non toglie che se siamo qua vogliamo fare le cose, altrimenti stavamo comodamente a casa – ha spiegato il tecnico in conferenza stampa – Facciamo le cose seriamente, se in passato qualcuno non le ha fatte è un problema loro. Io non voglio essere criticato perché non ho fatto le cose serie, mi preme l’essere stimato così come questo deve valere anche per i nostri calciatori”.

L’avversario

L’ex allenatore del Genoa non sottovaluta ovviamente una Salernitana che sarà diversa da quella battuta all’andata all’Arechi: “Giocheremo contro una squadra molto in salute, che lotta per un obiettivo estremamente importante, un’altra squadra rispetto al passato che gode di ottima salute fisica dopo un periodo di notevole sforzo sotto tanti punti di vista. Abbiamo già incontrato squadre fisicamente più forti, a volte abbiamo risposto molto bene, altre abbiamo pagato, come ad esempio a Udine. Posso dire che siamo avvezzi a questo tipo di interpretazione, abbiamo caratteristiche che possono fare male e lo abbiamo dimostrato. Speriamo di metterle campo, cercheremo di farlo e se riusciremo offriremo difficoltà a chi ci troveremo davanti; affrontiamo una squadra che abbiamo studiato e speriamo di aver trovato le giuste contromosse, con voglia di chiudere bene davanti al nostro pubblico, sia per loro che per noi”.

Invasione granata

La foltissima presenza di tifosi del cavalluccio non preoccupa assolutamente Andreazzoli: “La presenza del pubblico incide sempre e in senso positivo. Ben vengano gli spettatori numerosi, a prescindere che siano amici o avversari: venerdì a Milano è stato bellissimo e penso che sia un bene per la gara e per i calciatori che amano confrontarsi e giocare di fronte a un certo pubblico”.

Stima per Nicola

Il trainer empolese ha parlato anche del suo rapporto con Davide Nicola: “Degli allenatori parlano i risultati, al di là della simpatia personale che è reciproca. Ho avuto poche occasioni di incontrarlo, ho avuto un contatto telefonico quando allenava il Livorno dove ci siamo scambiati degli opinioni e da lì è nato un rapporto di stima reciproca. Non è facile fare il lavoro che fa lui, subentrare e cambiare le situazioni in corsa; so per esperienza personale che è possibile ma non semplice. Tutto questo dimostra le sue qualità, il mercato ha dato una mano ma grande merito va anche all’allenatore che è stato bravo ad incidere, a partire dall’ aspetto motivazionale ma non solo”.

Il bilancio della stagione

Andreazzoli ha concluso con alcune considerazioni sulla bella annata dell’Empoli: “Lo spogliatoio è stata la vera forza dell’impresa che abbiamo fatto, ci sono ragazzi bravi e disponibili e che ho ringraziato l’altro giorno. A dire la verità mi sono anche emozionato, tutti hanno partecipato maniera professionale e soprattutto seria, mettendosi a disposizione nostra e della società, seguendo le idee che proponevamo. È nato un bel rapporto, con tutti che hanno avuto la possibilità di esprimersi: in rosa abbiamo ventuno giocatori che hanno giocato almeno dieci partite da titolari, siamo contenti di aver dato la possibilità di partecipare e di contribuire a tutti, chi più chi meno. La squadra ha sempre mostrato grande applicazione nel concretizzare quanto proposto; si parla spesso di identità e credo che la squadra fin dall’inizio abbia dimostrato di averla e che era ben riconoscibile. Accanto a questo abbiamo fatto giocare tanti ragazzi giovani, ai quali abbiamo dovuto necessariamente dare il tempo, sapendo che devono maturare, fare le loro esperienze e che bisogna avere pazienza. Il risultato finale ci ha gratificato molto ed è quello che attendevamo; averlo conseguito con tre giornate di anticipo è stato un bel sollievo. Il rammarico? Forse sta nel fatto che ci hanno dato tutti per salvi alla fine di girone di andata e non siamo più stati considerati con gli stessi diritti degli altri. Questo è il rammarico, perché potevamo raccontare tutto questo con aggettivi e parole ben più importanti”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News