Connect with us

Calciomercato

Akpa in scadenza nel ’21, l’agente: “Sta bene a Salerno, ma ha l’ambizione di arrivare al massimo”

Una lunga attesa prima di ritornare a parlare solo ed esclusivamente di calcio. Il mondo del pallone oggi è fermo e aspetta l’evolversi del Covid-19, forse tra un paio di mesi si potrà veramente ricominciare a giocare. Tutti in attesa, anche Akpa Akpro che il campo l’ha lasciato con la fascia di capitano al braccio: “Un orgoglio per lui”. Intervistato dal quotidiano Il Mattino, l’agente di Akpa Umberto Riva fa il punto della situazione. Il contratto del centrocampista ivoriano scade nel 2021 e Riva non nasconde l’intenzione di portare il suo assistito in Serie A: “Non abbiamo ancora parlato con la società, ci saremmo dovuti vedere proprio in queste settimane. Il ragazzo sta bene a Salerno, l’idea generale è di restare, ma ora che ha iniziato a ingranare ha anche l’ambizione di arrivare al massimo del potenziale”.

Tempi difficili anche per gli agenti e l’idea di un mercato extra large non stuzzica Riva: “In tempi normali, queste settimane sarebbero state contraddistinte da appuntamenti per rinnovi e quant’altro. Invece ogni giorno si cerca di capire cosa succederà: le prospettive di tutti cambieranno a seconda di quando e se si riprenderà a giocare. Sono in contatto con Akpa, come tutti i miei assistiti ha senso di responsabilità, consapevole che al momento non si può lavorare e che una riduzione dovrà esserci. Ma un conto è un taglio temporaneo che riduce marzo-aprile, un altro è decurtare quattro mesi. Ho chiesto ai miei assistiti di farci sapere cosa sarà proposto dalle società, ognuna si comporterà diversamente. Lotito? Non è assolutistico ma sicuramente un osso più duro con cui trattare. In Francia hanno risolto equiparando i calciatori a normali lavoratori dipendenti: sono in cassa integrazione, lo Stato gli corrisponderà il 70% dello stipendio per due mesi, sgravando le società. La maxi-finestra unica potrebbe dare ai club possibilità di racimolare entrate. Da procuratore neppure mi dispiacerebbe, lavorerei di più anche se al momento la progettualità è problematica – spiega Riva – Sportivamente però ritengo folle giocare tre mesi col mercato sempre aperto: gli allenatori si ritroverebbero ogni settimana con giocatori venduti o nuovi arrivi. Il futuro di Akpa? Giunse a Salerno in un momento difficile dal punto di vista fisico. Ora ha riacquistato continuità, tornando ai suoi livelli. L’aver indossato in qualche occasione anche la fascia da capitano l’ha inorgoglito”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato