Connect with us

News

Volata salvezza, la “media Nicola” è ancora possibile: calendari a confronto

Poche chiacchiere, solo fatti. Dopo la sosta, il cavalluccio marino dovrà viaggiare, correre veloce: servirà una media di almeno due punti a partita per (provare a) salvarsi. Sforzandosi di trovare gocce per mettere qualcosa nel bicchiere, il dato che emerge è che la Salernitana può comunque potenzialmente rispettare la “media Nicola” che consentì al Crotone di salvarsi miracolosamente nel 2017. Sarà decisivo il mese di aprile da fare a duemila per restare ancora in scia e giocarsi il tutto per tutto nelle ultime curve.

Quell’impresa in Calabria

Cinque anni fa, a questo stesso punto del campionato, i pitagorici allenati dall’attuale trainer granata avevano 17 punti, solo uno in più dell’ippocampo di oggi, che però dovrà recuperare molto probabilmente due partite. Va però detto anche come – con quel punteggio – i calabresi fossero già terzultimi (Palermo e Pescara erano già sotto) e non ultimi come i campani in questo torneo. Togliendo due giornate a quel Crotone, in ogni caso, alla ventottesima di punti i calabresi ne avevano 14. A fine stagione riuscirono a salvarsi a quota 34, con due lunghezze di vantaggio sull’Empoli terzultimo: venti punti in dieci partite, per l’appunto la media di 2 a gara di cui sopra, che arrivarono grazie a sei vittorie e due pareggi (due le sconfitte). Più che immaginare dove e come poter fare punti lei, la Salernitana deve pensare a vincere il più possibile contro chiunque e sperare che le altre perdano quota. Come? Con gli scontri diretti.

Gli scontri diretti

Nel grafico in alto (in maiuscolo le gare in casa, in minuscolo quelle esterne) i calendari incrociati. Tra quelle invischiate nella lotta per non retrocedere, il Venezia è la squadra che ha più scontri diretti in programma, ben tre se si considera anche il recupero con la stessa Salernitana. Ne ha tre pure il Cagliari, tutti fuori casa: alla 34ma va a Genova contro il grifone, poi fa visita all’Arechi e all’ultima giornata va al Penzo. Due scontri diretti previsti invece per la Sampdoria, contro Salernitana (33ma) e poi Genoa (35ma) nel derby della Lanterna che fa sempre partita a parte. La squadra di Blessin sembra avere il calendario più insidioso, perchè da qui alla fine dovrà vedersela con ben tre delle quattro formazioni in lotta per lo Scudetto (Milan e Napoli fuori, Juventus in casa).

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News