Connect with us

Serie B

UE vota direttiva su pirateria web, Lega B: “Arginare partite trasmesse illecitamente”

Domani ci sarà un voto importante al Parlamento Europeo, dove si discuterà di protezione del diritto di autore nel mercato unico digitale. Sempre più crescenti, negli ultimi anni, gli atteggiamenti illeciti che hanno portato persone non autorizzate a trasmettere in diretta eventi sportivi protetti da diritto d’autore in modalità pirata sui propri profili social, su YouTube o sul web in generale. Dagli spalti di uno stadio o comodamente dal divano di casa propria, con danni ingenti per il comparto dell’informazione, per i detentori di diritti esclusivi, ma anche per gli stessi tifosi “onesti”, titolari di pacchetti di abbonamento.

La direttiva al voto domani era stata già bocciata a giugno ma tornerà allo studio con 252 nuovi emendamenti. A cercare il boicottaggio sono le multinazionali come Facebook, che con tali contenuti accrescono il loro traffico di visualizzazioni e scambi di informazioni tra utenti. Tra le proposte di modifica maggiori, spiccano la possibilità che gli editori possano esigere il pagamento di diritti da parte di aggregatori di notizie e social network (Facebook e Twitter) che condividono gli articoli prodotti dai siti di informazione – fatto salvo, però, il legittimo uso privato – e l’assunzione di responsabilità da parte delle piattaforme social rispetto all’illegittimità di taluni contenuti trasmessi e diffusi dai propri utenti. Ad esempio: chi trasmette illecitamente una partita di calcio sul proprio profilo Facebook o su Youtube, dovrà poter essere bloccato dalla piattaforma stessa con dei particolari filtri che condurranno all’individuazione dell’utente “furbetto”.

Dalla parte dei favorevoli all’approvazione della direttiva in questione – che, in caso di approvazione, dovrà essere trasformata in testo comune tra Commissione, Consiglio e Parlamento Ue, a sua volta da approvare entro maggio 2019, alla scadenza dell’attuale legislatura – si è schierata anche la Lega Serie B, bisognosa di tutelare i propri investitori. L’organismo presieduto da Mauro Balata, infatti, ha inviato una missiva a tutti i parlamentari europei per sensibilizzarli sul tema: “In vista della votazione relativa al mandato sul Diritto d’Autore nel Mercato Unico Digitale (Copyright Directive), rinnoviamo il nostro auspicio a che siano introdotti efficaci strumenti atti a contrastare il sempre più dilagante e pregiudizievole fenomeno della pirateria. Evidenziamo al riguardo che, con l’avvio dei campionati di calcio, il fenomeno della pirateria si è manifestato con ancor maggior veemenza rendendo sempre più accessibile sulle reti di comunicazione elettronica la visione di immagini delle gare trasmesse in forma illecita piratando le immagini. Di tutta evidenza che tale situazione nulla ha a che vedere con il libero e lecito utilizzo della piattaforma web e determina grave ed irreparabile pregiudizio non solo per chi commercializza e per chi acquisisce lecitamente le licenze, ma anche per gli stessi consumatori rispettosi delle regole”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Serie B