Connect with us

News

Salernitana, torna a rialzarti! A Pisa in piena emergenza, Ventura lancia Dziczek dal 1′

PISA-SALERNITANA probabili formazioni (Stadio Arena Garibaldi, ore 21)

PISA (3-5-2): Gori; Aya, De Vitis, Benedetti; Belli, Marin, Gucher, Di Quinzio, Lisi; Marconi, Masucci. A disp. Perilli, Verna, Siega, Izzillo, Moscardelli, Minesso, Meroni, Liotti, Pinato, Ingrosso, Asencio, Fabbro. All. D’Angelo

SALERNITANA (3-5-2): Micai; Karo, Migliorini, Jaroszynski; Kiyine, Maistro, Dziczek, Di Tacchio, Lopez; Jallow, Djuric. A disp. Vannucchi, Odjer, Cerci, Gondo, Kalombo, Morrone, Akpa Akpro, Lombardi, Pinto. All. Ventura

Arbitro: Giacomo Camplone di Pescara (Capaldo/Lanotte). IV uomo: Valerio Marini di Roma

Pende, ma non è ancora caduta. La Salernitana arriva al secondo turno infrasettimanale nel momento più difficile del suo campionato, in emergenza di risultati e di roster. Due punti  nelle ultime tre partite, due pareggi arrivati da posizione di vantaggio e con gol incassato al 90’ e oltre. E i soliti tantissimi infortunati che non permettono a Gian Piero Ventura di ruotare: a casa fermi ci sono Billong, Mantovani, Hertaux, Firenze, Cicerelli e Giannetti. Colpi al morale e alla classifica di una Salernitana che pende, ma non è ancora caduta. E punta a rialzarsi, stasera, all’ombra di una torre che pende da decenni e che non cadrà mai.

Alle ore 21 c’è Pisa-Salernitana, i granata devono vincere. Spinti da 500 tifosi, gli uomini di Ventura sono chiamati a una risposta in termini di risultati ma anche di prestazione: vanno cancellate le ultime partite, non all’altezza di una squadra che ha dimostrato poter fare molto di più. Anche questa sera andranno in campo più o meno gli stessi, perché turno infrasettimanale fa rima con turnover ma Ventura quest’anno non riesce proprio a trascrivere il suo pensiero in versi. E allora nel 3-5-2 camaleontico si può intervenire solo a centrocampo e ci saranno due novità rispetto alla gara di sabato con il Perugia. La mezz’ala/trequartista la fa Fabio Maistro, a lui il compito di unire mediana e attacco del cavalluccio. Qualche metro dietro di lui con Di Tacchio ci sarà Patryck Dziczek, finalmente all’esordio. Il talento polacco è pronto, da tempo, e questa sera ci sono tutti i presupposti per vederlo titolare. Del resto lo ha detto lo stesso Ventura, Dziczek non è un calciatore da subentro ma deve partire dall’inizio. E stasera succederà davvero. Gli altri nove sono gli stessi di sabato, gli stessi di sempre. Karo, Migliorini e Jaroszynski in difesa a guardia di Micai, Kiyine (a destra) e Lopez (a sinistra) sulle fasce, Djuric e Jallow in attacco. Pronti a entrare Cerci e Lombardi, ma occhio a Gondo che scalpita e chiede minuti.

Il Pisa è reduce dal ko (immeritato) nel derby con il Livorno e punta a rifarsi davanti al pubblico amico, questa sera più numeroso del solito tanto che la Prefettura ha acconsentito a firmare una deroga per permettere l’apertura di settori dello stadio fino a ora inutilizzati. D’Angelo ha qualche scelta in più da poter prendere, la certezza è il 3-5-2 che non si tocca. Davanti a Gori giocheranno Aya, De Vitis (recuperato all’ultimo minuto) e Benedetti. Larghi Belli e Lisi, in mezzo Gucher fa la regia (attenzione a non concedergli calci piazzati dal limite) mentre ai suoi lati giocano Marin e Di Quinzio. Con il capocannoniere Marconi, 7 gol come Iemmello, c’è Masucci. In panchina Moscardelli e Asencio.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News