Connect with us

News

Ribéry e le 39 candeline: caccia al primo gol in granata

Franck Ribéry si avvicina a quota quaranta. Il francese spegne oggi 39 candeline (classe ’83) ed è tra i calciatori più longevi della nostra serie A. I tifosi della Salernitana si augurano possa essere decisivo in questo finale di stagione, visto che l’ex Bayern va a caccia ancora della prima rete con la maglia granata.

Salerno come casa

Il suo arrivo, nel settembre scorso, aveva dato entusiasmo ad una piazza che già viveva ansie e preoccupazioni per le questioni societarie, con le vicissitudini poi materializzatesi nel mese di dicembre. In una squadra ben diversa da quella attuale, l’arrivo di FR7 diede fiducia e motivazioni a tutto l’ambiente. Più volte è stato definito dai compagni come un esempio da seguire e dagli allenatori come un calciatore da clonare per impegno e professionalità; i tifosi lo hanno eletto a idolo indiscusso. Il campione ha scelto di vivere nella vicina Costiera, con la famiglia che spesso è venuta a trovarlo. L’età si è sempre ovviamente fatta sentire, spesso Franck si è allenato a parte, di accordo con lo staff, per gestire gli acciacchi (tra affaticamenti e un infortunio alla caviglia) di una carriera lunga e vissuta a mille. Tra ottobre e novembre però il calciatore ha inanellato, a dispetto dell’età, una serie di quattro partite giocate per intero (contro Empoli, Venezia, Napoli e Lazio). Decisivo il suo assist a Bonazzoli per il momentaneo 1-1 nella vittoria (la seconda e ultima stagionale) arrivata al Penzo di Venezia.

Una nuova ripartenza

Tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022 Ribéry ha palesato qualche malumore. L’ex Marsiglia, che ha firmato un contratto annuale con rinnovo automatico in caso di salvezza, ma anche con la presenza di una clausola per interrompere il rapporto in qualsiasi momento della stagione, era in procinto di dire addio. Ci ha pensato Walter Sabatini a convincerlo a restare per tentare l’impresa. Il giocatore ha sempre elogiato il calore del pubblico granata (paragonando Salerno alla sua Marsiglia) e ha rinnovato, in una recente intervista a SkySport, la sfida salvezza: “Salvare la Salernitana sarebbe come vincere un trofeo”. Da inizio anno nuovo però il francese è stato prima bloccato dal covid e poi si è verificato il discusso episodio dell’incidente stradale in tarda notte che gli ha provocato anche problemi fisici. La società lo ha punito con l’esclusione contro Inter e Sassuolo, ma anche protetto. Ribéry non gioca titolare dalla sfida contro il Bologna e contro Juventus e Torino ha ritrovato minuti. A Roma potrebbe avere una chance da titolare come seconda punta affianco a Djuric, a caccia del primo gol in granata per guidare i suoi all’impresa.

Per FR7, in ogni caso, non mancano gli auguri sui social, come quelli del compagno Ruggeri, dell’ex compagno alla Salernitana Aya, degli ex compagni alla Fiorentina Rosati, Prince Boateng, Castrovilli, Milenkovic, Vlahovic, Pezzella e Igor, al Bayern Jerome Boateng, Rafinha, Douglas Costa, Benatia, Vidal, Contento, Alaba e Toni; non sono mancati gli auguri dei connazionale Olivier Dacourt e Sebastian Frey e delle sue ex squadre Bayern Monaco e Olimpique Marsiglia. L’agente Davide Lippi ha postato una storia di auguri. Anche la pagina ufficiale della Uefa Champions League ha voluto omaggiare la leggenda con un video celebrativo con le sue migliori giocate:

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News