Connect with us

News

Report Pescara, la penna avversaria: Giovanni Tontodonati de Il Centro

L’ultimo atto, i restanti 90 minuti che questo pomeriggio scriveranno il futuro della Salernitana al termine di un campionato diametralmente opposto alle aspettative. Il ritorno di Menichini sulla panchina granata a pochi giorni dal match di Pescara è il tentativo estremo di salvare una stagione che ha regalato molti più dolori che gioie. E questo pomeriggio allo stadio Adriatico ci sarà di fronte un avversario che avrà ugualmente bisogno di punti per avere la matematica certezza di un posto negli spareggi playoff, ma soprattutto per assicurarsi il miglior piazzamento. La gara che deciderà le sorti di Pescara e Salernitana quindi, presentata dal collega Giovanni Tontodonati de “Il Centro”.

 

Fra qualche ora Pescara e Salernitana si giocheranno il proprio futuro con soli 90 minuti a disposizione. Quale squadra avrà le motivazioni più forti per vincere?

Qualche mese fa avevamo guardato a questa partita come l’impegno più semplice perché la Salernitana avrebbe dovuto salvarsi con tranquillità, invece è successo il contrario. Questo ha scombussolato i piani. Il Pescara ha perso le occasioni per accedere ai playoff tempo fa, a questo punto non si possono fare calcoli perché il quinto posto è il minimo obiettivo, nel caso di penalizzazione del Palermo si arriverebbe quarti. Il Pescara sta un po’ meglio rispetto alla Salernitana, nonostante ci sia stata una flessione e alcuni giocatori hanno avuto qualche problema. La società aveva parlato di una salvezza tranquilla, ma quello reale era di arrivare tra le prime otto. È stato un campionato al di sopra delle aspettative e questa occasione diventa ghiottissima. Forse a gennaio poteva essere fatto qualcosa dopo il secondo posto al giro di boa. Ha avuto la fortuna dell’esplosione di Mancuso ma per il resto gli altri attaccanti sono stati poco prolifici, era però un buon mix di giovani ed esperti. Diverso il discorso tra società e tifoseria, non c’è stato molto entusiasmo dopo la salvezza dello scorso anno. Si è creato invece un buon rapporto tra la squadra e i tifosi

 

Il cambio in panchina per i granata all’ultima giornata può essere una scelta giusta?

Credo di si, i numeri difficilmente tradiscono. A Menichini non gli si può chiedere chissà cosa, però è un allenatore di esperienza, conosce le dinamiche e l’ambiente. Serve solo tranquillità e carica agonistica. Qualcosa andava fatto ma la Salernitana era in grande difficoltà. Non credo sia solo condizione, è l’approccio che è sbagliato. Le continue frizioni tra tifoseria e proprietà hanno influenzato il cammino“.

 

Scelte quasi obbligate per Menichini che cambia modulo, sarà la trequarti l’arma in più dei granata?

Credo che passare al 4-2-3-1 sia la scelta migliore per cercare velocità, il Pescara dovrà tenere le linee strette perché in contropiede ha giocatori che possono fare male. Spesso il Pescara ha difeso molto alto e ha fatto male se aggredito. Menichini consoce il materiale che ha a disposizione e questo è un vantaggio“.

 

Quali saranno invece le scelte di Pillon?

Del Grosso ha avuto un problema alla caviglia ma dovrebbe farcela. Nel 4-3-3 in difesa giocherà lui a sinistra, Balzano a destra, Scognamiglio e Bettella al centro, quest’ultimo preferito a Campagnaro. A centrocampo l’unico dubbio: se dovesse giocare Bruno ai suoi lati agirebbero Brugman e Memushaj; se fosse scelto invece Crecco giocherebbe lui a destra con Memushaj al centro e Brugman a sinistra. Il tridente d’attacco sarà invece composto da  Marras e destra, Sottil a sinistra e Mancuso al centro“.

 

Settore ospiti sold out e buona cornice di pubblico. Quanto sarà determinante il dodicesimo uomo?

L’apporto del pubblico è importante, i calciatori riescono spesso a dare qualcosa in più. Mi sembra la scelta più logica quella dei tifosi della Salernitana di seguirla nonostante la contestazione. I tifosi di casa saranno circa 10mila, la città non ha vissuto questo campionato con grande entusiasmo“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News