Connect with us

News

La ricetta di Castori: “Pazienza e ritmo per vincere, non facciamo calcoli”

Fabrizio Castori tiene alta la guardia in vista della sfida col Cosenza. Il tecnico granata, alla vigilia del match con i calabresi, ha sottolineato in conferenza stampa la pericolosità della formazione di Roberto Occhiuzzi che farà visita alla Salernitana domani pomeriggio. “Per me le partite sono tutte difficili” ha sottolineato Castori spiegando: “Dovremo affrontare il Cosenza con rispetto. È una squadra che in trasferta fa meglio che in casa, inoltre si avvicina la fine della stagione e la tensione comincia a salire. Sarà una partita davvero difficile per noi”.

Rispetto, pazienza e ritmo. Questa è la ricetta di Castori: Per venire a capo di una partita ci vogliono sempre pazienza e ritmo. Se vai forte tutto diventa più semplice, prima di una partita è difficile parlare. Il Cosenza a mio avviso è una squadra pericolosissima, ha nelle corde il concetto delle ripartenze. Servirà grande attenzione e dovremo essere bravi ad attaccare senza lasciare la possibilità di colpire in contropiede ai nostri avversari”. La Salernitana potrà fare affidamento su una condizione atletica in netto miglioramento: “La condizione fisica è un elemento importante, stiamo bene e questo ci rende fiduciosi in vista del finale di campionato dato che puntiamo molto sull’intensità”. Il tecnico granata non è preoccupato per l’eventuale pressione dettata dal fatto di giocare dopo la maggior parte delle altre squadre: “Ormai siamo abituati allo spezzatino del campionato di Serie B, è presto per fare considerazioni sui risultati delle altre”.

Come di consueto, il tecnico non dà indicazioni sull’undici che schiererà sottolineando però un aspetto molto importante: “Io valuto il lavoro fatto in settimana, dopo l’ultimo allenamento tiro le somme. Chi mi può dare più garanzie viene schierato ma tutti devono dare equilibrio, non faccio distinzioni. Abbiamo una rosa affidabile, se manca una rosa può giocare un altro. Le scelte non vengono fatte in funzioni di quello che verrà dopo, bisogna fare il massimo nel presente. La partita più importante è sempre quella da affrontare, non possiamo fare calcoli e gestire. Dobbiamo andare forte per fare risultato”.

Castori ha poi provato a smorzare le polemiche per la vicenda della partita d’andata con il successivo ricorso – poi perso – dei calabresi: “Non capisco cosa c’entriamo noi con quello che è successo all’andata, noi abbiamo fatto la nostra partita. Quello che è successo dopo non è dipeso da noi, siamo stati spettatori di quella situazione che si è verificata”. Infine il tecnico granata ritroverà Mbakogu, attaccante del Carpi che conquistò la storica promozione in Serie A: “Sono contento che Jerry sia tornato a giocare in Italia, mi ha dato tantissimo. Non posso certo dimenticarlo, mi farà piacere rivederlo. Sarà un motivo d’allerta in più per i miei difensori, in contropiede può essere micidiale”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News