Connect with us

News

La partita degli ex: notte dal sapore speciale per molti, quanti incroci lunedì sera all’Arechi

Il derby, si sa, non è una partita come le altre per i tifosi e per i giocatori. Tra i giocatori però c’è chi può avere qualche motivazione in più: coloro che hanno vestito l’altra maglia. Salernitana-Benevento sarà la sfida degli ex, soprattutto sulla sponda giallorossa. Ben cinque sono passati per Salerno lasciando, chi più chi meno, il segno.

Pier Graziano Gori, all’undicesima annata nel Sannio, ha trascorso un anno e mezzo nella città di San Matteo con la stagione 2014/15 da protagonista, prendendosi la B guidato da Menichini proprio contro il Benevento. Da titolare con le streghe giocò il derby del 9 ottobre 2016, ultima vittoria per i granata all’epoca allenati da Sannino (2-1) con reti di Luiz Felipe e Della Rocca. Compagno di Ghigo – oggi terzo portiere sannita in quella cavalcata verso la cadetteria è stato Alessandro Tuia. Il difensore di Civita Castellana è cresciuto nel vivaio della Lazio, per poi trascorrere sei anni, dal 2012 al 2018, con l’ippocampo sul petto. Esperienza condita da qualche infortunio di troppo, ma anche da due promozioni: la prima in Lega Pro Prima divisione, la seconda appunto in cadetteria. Due estati fa, dopo il mancato rinnovo col club di via Allende, ha scelto il Benevento. La sua presenza lunedì all’Arechi, quantomeno in panchina, resta in dubbio causa problemi fisici; lo scorso anno è subentrato nella ripresa del match di ritorno. Chi si gioca una maglia da titolare nel 4-4-2 di Inzaghi è Riccardo Improta. Il classe ’93 ha trascorso una stagione in granata, 31 presenze e 2 reti, una di queste i tifosi non l’hanno dimenticata: quella del 13 maggio 2017 nel derby contro l’Avellino vinto 2-0. Lui è rimasto legato alla città come hanno testimoniato le sue parole di addio su instagram prima del passaggio al Bari: “Ho sempre cercato di onorare la vostra maglia, voglio ringraziare chi ha creduto in me. Auguro a tutta Salerno le migliori fortune, in bocca al lupo per la nuova stagione”. Lo scorso anno ha giocato entrambi i derby, segnando nel 4-0 dell’andata al Vigorito. Cosa che ha fatto un po’ incrinare i rapporti con la tifoseria salernitana (vista anche l’esultanza), che potrebbe non accoglierlo con applausi. L’ex per eccellenza è sicuramente Massimo Coda, 21 reti lo scorso anno, ma mai in gol contro il cavalluccio dal suo addio. Il bomber metelliano guiderà l’attacco del Benevento nel monday night, come fatto nei due match della scorsa stagione. Dopo 31 gol in 80 presenze diede addio all’ippocampo nell’estate del 2017, per tornare a giocarsi la Serie A col Benevento. Una cessione che fruttò tre milioni di euro alle casse del club di via Allende. Dal campo alla scrivania, gli ex non sono finiti: Pasquale Foggia, ora direttore sportivo degli stregoni, ha vestito granata ormai a fine carriera nella stagione 2013/14 senza troppa fortuna, disputando 23 partite (con un gol e 9 assist) nel campionato di Serie C1 prima di appendere gli scarpini al chiodo.

Jean Claude Billong e Walter Lopez hanno compiuto il percorso inverso, dalla dormiente al Castello Arechi. Il possente difensore francese, out per la sfida, è arrivato in prestito biennale dal club del presidente Vigorito nella sessione estiva; l’esterno uruguagio ha scritto la storia col Benevento, compiendo il doppio salto dalla C alla A, prima di passare per Spezia e Ternana e firmare con la Salernitana a gennaio. Ha vestito la maglia dei sanniti anche Cristiano Lombardi, anch’egli fuori per infortunio: 17 presenze per lui in giallorosso nell’anno della Serie A. Pallone e nostalgia vanno spesso e volentieri a braccetto, una nostalgia che lunedì sarà a tinte miste: granata e giallorosse

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News