Connect with us

Serie B

J. Stabia, Caserta chiarisce: “Non ho accordi con altri club, rispetto Castellammare e voglio solo la salvezza”

Un messaggio rivolto all’intera città di Castellammare da parte di Fabio Caserta, allenatore della Juve Stabia che sta vivendo un momento di estrema difficoltà in termini di risultati (tre ko in altrettante gare dopo il lockdown). L’ex centrocampista è al centro anche di numerose voci di mercato che lo vorrebbero nel 2020/21 sulla panchina del Palermo in Serie C. A due giorni dalla sfida che le vespe dovranno giocare sul campo della Salernitana, Caserta ha deciso di registrare un videomessaggio diffuso dalla sua società sui propri canali ufficiali.

“In un momento così delicato abbiamo bisogno che la gente ci sia vicina. Siccome ne ho sentite di tutti i colori in questi giorni riguardo anche alla mia posizione, ci tengo a precisare che il rapporto e l’amore che c’è tra il sottoscritto e la città è unico. Metto sempre la faccia, non ho nessun accordo con altre squadre, penso solo al presente, queste sette partite che restano per me sono importantissime e rappresentano il futuro. Non ho il tempo di pensare ad altro. – ha detto accoratamente Caserta – Nei giorni scorsi sono state dette troppe cose che non vanno bene. Per far capire alla gente che in questo momento è più importante mantenere la categoria, dico che avevo una clausola il 30 giugno che avrei potuto esercitare ma non l’ho fatto perché mi interessa esclusivamente questo rush finale per conquistare la salvezza. Chi mi conosce e mi vuole bene sa come sono fatto: ho massimo rispetto per me stesso, non penserei minimamente di accordarmi già con un’altra realtà. Penso solo a lavorare, tengo a precisarlo perché può passare un messaggio sbagliato e i ragazzi possono pensare male. In me c’è solo la voglia di salvare la categoria”.

Caserta ha poi fatto una precisazione su una sua affermazione risalente alla conferenza precedente alla sfida contro il Livorno e riguardante il terzino Germoni, protagonista di alcuni errori decisivi durante il match di Pescara. “Se non facesse errori, non sarebbe alla Juve Stabia, ma al Real Madrid”, aveva detto il tecnico. “Qualcuno ha pensato che, per difendere un mio giocatore, avessi disprezzato Castellammare: io voglio essere criticato come allenatore ma non permetto a nessun di dire che parlo male di Castellammare. Non è così. – ha chiarito Caserta – Il mio esempio di Germoni era un modo per dire che qualche limite ce l’abbiamo. Non volevo certo disprezzare la città, ma solo far capire che se facciamo degli errori ci dobbiamo lavorare. Ho massimo rispetto per Castellammare e lo manterrò fino alla fine. Non permetto a nessuno di rovinare questo legame per cose che non riguardano il campo: criticatemi come allenatore, ma non con altro. Io non dormo la notte per cercare di portare a termine il mio compito. Stando tutti uniti possiamo ottenere risultati molto importanti. Ce la possiamo fare”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Serie B