Connect with us

News

Il visionario Sabatini: dal vizio del fumo alla passione per lo scouting

Agli inizi di gennaio sono cominciate le chiacchierate tra Danilo Iervolino e Walter Sabatini. L’imprenditore napoletano ha individutato nell’ex ds della Roma l’uomo giusto a cui affidare la parte sportiva per la sua Salernitana. L’intesa è scattata quasi subito e Sabatini sta già lavorando sulla rosa. In passato il dirigente umbro ha ricoperto ruoli dirigenziali in Lazio, Palermo, Roma e Sampdoria, occupandosi prettamente di mercato, ed è stato anche coordinatore dell’area tecnica di Suning Sports Group di cui facevano parte Inter e Jiangsu. Si è sempre contraddistinto per le sue capacità da talent scout. Lo scorso novembre il Genoa lo aveva scelto come nuovo direttore sportivo, incarico però rifiutato da Sabatini per “diversità di vedute”, come da lui stesso ammesso. Il ds ritroverà Stefano Colantuono, i due hanno lavorato insieme a Palermo nel 2008.

Passione talenti: di padre in figlio

Tanti importanti calciatori militano e hanno militato nel calcio italiano, dove sono stati portati proprio da Sabatini. A Roma, sponda giallorossa, ha acquistato giocatori del calibro di Allison, Marquinhos, Benatia, Manolas, Pjanic, Strootman, Nainggolan, Lamela, Salah e Dzeko; su quella biancoceleste sono sbarcati Kolarov e Lichtsteiner. E poi le fortune del Palermo di Zamparini, grazie a due talenti come Pastore e Ilicic, scovati proprio da Sabatini. Un patrimonio lasciato e che forse è stato valorizzato solo a distanza di anni, come il suo lavoro. Lo scouting è una passione per il dirigente, come spiegato in un recente convegno: “Quando guardi un calciatore, in ottica di acquisizione futura, ti deve creare emozioni. Nell’individuazione di un talento, invece, preferisco affidarmi all’istinto e alla mia esperienza. Però io continuerò a guardare un giocatore come tocca la palla, come si muove, quello me lo dice solo la mia esperienza. La senilità comporta dei vizi inesplicabili, poi il calcio non è un gioco ma un vizio. Comporta una scarica costante di adrenalina, molto simile a quando spillate l’ultima carta a poker. Comporta competenza, contare le carte”. Una passione trasmessa anche al figlio Santiago che sogna di seguire le orme del papà, come svelato dallo stesso Sabatini in una recente intervista.

Una vita segnata dal fumo

Lo scouting un vizio certamente meno pericoloso delle sigarette che lo hanno portato, anni fa, quasi alla morte: “Ero in coma e ho visto il paradiso, era come un supermercato – le parole di Sabatini al Secolo XIXDa anni il mio corpo mi mandava segnali clamorosi e a un certo punto si è ribellato. Il giorno del mio malore dovevo andare in Cina, se fossi partito sarei morto. L’ultimo ricordo che ho è uno scambio di messaggio con Osti, poi sono sparito dalla vita. Ora prendo 15 compresse al giorno per calmarmi, non c’è un solo minuto in cui non pensi al fumo. La mia vita è stata scandita dal fumo, ogni sigaretta è stata bellissima. Vivere senza per me è una tragedia, ma ho un dovere nei confronti di chi mi vuole bene”. Un momento difficile superato anche grazie alla moglie, alla quale “hanno comunicato la mia imminente morte almeno un paio di volte”, l’ammissione di Sabatini un anno fa a Calciomercato.com. E ancora, “mi sono servite tre cene per dire a mia moglie che avevo un tumore ai polmoni”. Proprio in quest’ultima intervista il dirigente umbro identificava Bologna come la sua ultima sfida in carriera; invece i rossoblu li ritroverà da avversario. Nel futuro immaginava il granata del Torino, invece ci sarà quello della Salernitana, una nuova scommessa. “La mia aspirazione? Rendere felice la gente”, e quella di Salerno non aspetta altro. Walter Sabatini risorge… ancora una volta.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News