Connect with us

News

Figc, bozza protocollo ripresa: squadre raccolte in luoghi chiusi e test medici. Granata a S.Gregorio Magno?

Si è tenuta quest’oggi in videoconferenza la riunione della commissione medica della Federcalcio, presieduta dal prof. Paolo Zeppilli, per analizzare il momento e definire un protocollo di garanzia comune a tutto il mondo del calcio da seguire quando tutte le attività di allenamenti e gare potranno regolarmente riprendere. Proficuo il confronto, da cui è nata una bozza del documento definitivo che sarà ufficializzato e ultimato nei prossimi giorni.

La Figc fa sapere che “sono state presentate le linee guida che verranno integrate a breve dalle indicazioni degli esperti e dei rappresentanti delle componenti per definire il prima possibile il protocollo unitario definitivo. Tale protocollo sarà ispirato ai tre principi fondamentali della semplicità, fattibilità e attendibilità medico-scientifica. La bozza presentata in Commissione per il settore professionistico indica le modalità con le quali formare il ‘gruppo squadra’, seguire clinicamente i componenti della rosa (calciatori, allenatori, medici, fisioterapisti, magazzinieri, ecc.) e quali esami diagnostici effettuare a cura del medico sociale e del medico di squadra (test molecolari, test sierologici, esami del sangue generali, ecc.). Sono stati anche discussi i protocolli riguardanti i calciatori e i membri dello staff contagiati e ‘guariti’ dall’infezione da Covid19. Gli esami diagnostici indicati per questa categoria seguiranno un protocollo adeguato alla gravità clinica dell’infezione subita (con particolare attenzione all’apparato respiratorio e cardiovascolare). Tutte queste indicazioni si estendono al ‘gruppo arbitri’, considerati alla stregua dei calciatori delle singole squadre. Nel confronto, inoltre, è emersa come raccomandazione che nella prima fase il ‘gruppo squadra’ sia raccolto in un luogo ‘chiuso’ (ad es. centri sportivi, di allenamento e simili), ovviamente sanificato e rispettoso di tutte le norme igieniche-comportamentali, anche per coloro che non appartengono al gruppo ristretto”. In tale ottica, prende sempre più corpo l’ipotesi che la Salernitana possa recarsi in ritiro in un luogo vicino a Salerno e funzionale alla ripresa degli allenamenti con tutti i comfort ma anche nel rispetto delle direttive. Tutte le indicazioni portano a San Gregorio Magno, lì dove già in estate Ventura ebbe la possibilità di allenare il gruppo per la prima volta.

C’era il numero uno della Federcalcio, Gabriele Gravina, a presiedere ai lavori oggi. “L’obiettivo della Federazione è quello di tutelare la salute degli atleti, degli arbitri, dei componenti degli staff e di tutti gli addetti ai lavori. Il calcio ha esigenze straordinarie dovute all’impatto economico che genera e alla grande esposizione mediatica, da cui derivano grandi responsabilità per i datori di lavoro, le società: l’esatta definizione dei pericoli, quindi, serve a individuare le priorità e a limitare i rischi potenziali. – ha sottolineato Gravina Se e quando dovessimo avere luce verde per una graduale ripartenza, il mondo del calcio si deve far trovare pronto. E’ questo lo scopo del lavoro svolto dalla nostra Commissione medica, e a tal proposito ringrazio tutti gli esperti che hanno aderito al nostro invito. Per il ruolo che il calcio ricopre nella società civile italiana, sono convinto che potremo dare un contributo importante a tutto il Paese”.

Oltre ai componenti tradizionale della commissione (Andrea Ferretti, Carmine Costabile, Maria Grazia Rubenni, Rodolfo Tavana, Vincenzo Salini, Francesco Braconaro, Carlo Tranquilli, Silvana Giannini, Walter Della Frera, Angelo Pizzi) per l’emergenza Coronavirus essa è stata integrata da esperti infettivologi come Roberto Cauda (prof. di Malattie Infettive dell’Università Cattolica), Massimo Fantoni (Primario Unità Covid19 del Policlinico Gemelli), Walter Ricciardi (componente Oms, consigliere del Ministero della Salute) e Francesco Vaia (Direttore Sanitario dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani). All’incontro hanno partecipato anche i responsabili medici delle diverse componenti federali.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News