Connect with us

Giovanili

U17, Ferraro gioisce: “La cattiveria che mi piace! Siamo cresciuti tanto, peccato per infortuni”

La Salernitana Under 17 si è resa protagonista di una bella e convincente vittoria per 2-0 contro l’Ascoli, senza soffrire particolarmente la fisicità degli avversari, anzi gestendola con la giusta cattiveria agonistica. È questo che fa particolarmente piacere a mister Emanuele Ferraro: “Non siamo venuti meno, i ragazzi hanno fatto una buona partita. È stata una gara maschia contro una squadra molto fisica e che non si tirava mai indietro. Noi però non ci siamo sottratti e questo è stato l’aspetto secondo me più importante. Abbiamo lavorato da squadra dal primo all’ultimo minuto, una squadra compatta che ha fatto un grande lavoro dietro, perché loro hanno avuto solo l’occasione del rigore che per me non c’era. La strada da percorrere è ancora lunga ma ci teniamo stretta questa partita perché la squadra ha trovato la cattiveria che piace a me“.

Aspetto importante è stato anche quello di dimostrare la giusta maturità in una gara resasi nervosa fin dalle prime battute: “Era una partita tirata. Conoscevamo gli avversari perché avevamo studiato bene la gara e sapevamo a cosa andavamo incontro. I ragazzi hanno mantenuto la giusta cattiveria, rimanendo comunque calmi e ordinati. Siamo riusciti a limitare i danni sotto questo contesto, anche se con la loro fisicità ci hanno creato problemi sulle seconde palle, dove siamo arrivati sempre un pochino in ritardo. Con qualche ripartenza fatta meglio potevamo avere un risultato più rotondo già nel primo tempo“.

A far preoccupare l’allenatore dei granatini è stato solo l’obbligo di fare tre sostituzioni nello stesso ruolo durante la gara: “L’unica nota negativa è questa, aver dovuto cambiare tre esterni di ruolo nel corso della gara, subito Pellino, poi Arena che ha avuto un problema al costato e infine Fois che ha un problema al quadricipite. Però devo fare i complimenti a chi è subentrato, non faccio mai i complimenti ai singoli, ma l’atteggiamento di Mastrogiovanni è stato encomiabile come lo è stato a Lecce e come lo è stato quello di Manzo. Questo è l’atteggiamento di gruppo e che stiamo cercando di creare e che mi fa più piacere. Riguardo Fois purtroppo i ragazzi vogliono stare sempre in campo e non vogliono imparare, ma quando non stai bene devi alzare la mano e dirlo, altrimenti rischiano di farsi male più gravemente. Se lo avesse detto prima avremmo potuto limitare i danni, perché ci sono anche le prossime partite a cui pensare“.

Prossime partite a cui la Salernitana andrà incontro confidando nelle due vittorie consecutive e nei passi avanti fatti già in questo breve periodo: “Vincere fa bene perché i ragazzi tengono di più a quello che si va a fare. Poi non è una vittoria dovuta al caso, perché anche a Lecce abbiamo fatto una buona gara, così come contro il Crotone. Siamo sulla strada giusta, c’è tanto da fare ma con questo atteggiamento potremo toglierci delle soddisfazioni. La squadra cresce di settimana in settimana, normale che ci sono tanti concetti da approfondire, ma a dire la verità sono troppo contento del lavoro fatto oggi dalla linea difensiva. Siamo cresciuti tantissimo in tre settimane, col Crotone c’erano stati tanti errori, invece oggi è stato un aspetto importante. Questo significa che i ragazzi imparano da quello su cui si lavora e quindi bene così, avanti così“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili