Connect with us

News

Due test pre-Euro 2020, Arechi spera di riabbracciare azzurri. Ma la convenzione da rinnovare…

Ci sperava già per fine 2019, in occasione del centenario della Salernitana, ma l’Arechi è rimasto deluso. La fiammella si riaccende timidamente in seguito alla qualificazione aritmetica ottenuta dall’Italia a Euro 2020 da parte della Nazionale italiana di Roberto Mancini, che è pronta a guardare oltre l’orizzonte per programmare le partite amichevoli di avvicinamento alla prestigiosa kermesse continentale (esordio il 12 giugno all’Olimpico di Roma).

L’ex tecnico di Inter e Manchester City, infatti, vuole fissare al più presto test amichevoli per avere il calendario degli impegni già costruito, nel 2020, ben oltre quindi le restanti partite – pro forma, a questo punto – che restano da disputare a novembre nel girone di qualificazione. Non è ancora ufficiale, ma sembrerebbe che a marzo prossimo gli azzurri possano volare in Qatar per una tournée che porterebbe ossigeno, in termini economici ovviamente, nelle casse della Figc. Nel paese arabo, l’Italia disputerebbe due amichevoli. Poi, però, ce ne saranno altrettante da fissare tra fine maggio e inizio giugno nel nostro paese, tra la fine del campionato e l’inizio dell’Europeo.

Ancora da stabilire date e avversari, la macchina organizzativa della federazione è partita per individuare anche le sedi. Dal Palazzo del calcio rimbalzano indiscrezioni secondo cui gli ultimi due test prima dell’Europeo possano giocarsi in campi “di provincia”, dunque non in stadi di primissima fascia. In quest’ottica, con il recente adeguamento dell’Arechi in occasione delle Universiadi di luglio, il nome dello stadio di via Allende potrebbe tornare d’attualità per ospitare la Nazionale, che vi manca dall’ormai lontano 1998. Molto dipenderà, naturalmente, anche dall’andamento del cavalluccio marino in questa stagione e – soprattutto – dal peso che Claudio Lotito vorrà esercitare sull’operazione, in quanto consigliere federale in quota Serie A. Ciò, sarà conseguenza, anche delle prove di dialogo che dovranno necessariamente avvenire da qui a breve con l’amministrazione comunale, proprietaria dell’impianto: la convenzione d’uso dell’Arechi stipulata anni fa dalla Salernitana, infatti, scade a giugno 2020 e sarà necessario riaccomodarsi a tavolino per provvedere al rinnovo. Stesso discorso per il campo Volpe. Attualmente, all’Arechi il sodalizio di Lotito e Mezzaroma ha in gestione soltanto il manto erboso e non l’intera struttura. Senza accordo Lotito-Comune, difficilmente si potrà pensare a un ritorno della Nazionale a Salerno. Per ora, sono fuoriuscite anche le candidature di Frosinone e Ferrara. Staremo a vedere, il pubblico salernitano intanto sogna per i granata e… spera negli azzurri.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News