Connect with us

News

Il doppio ex Iunco a R.Alfa elogia Bocalon: “Vive per il goal. Vi spiego il segreto del Cittadella”

Sei mesi vitali alla Salernitana, con la salvezza raggiunta con alcuni suoi goal pesantissimi. L’anno dopo, la sua miglior stagione in carriera al Cittadella. Antimo Iunco, ai microfoni di Radio Alfa, parla da doppio ex e si aspetta una gara bella da vedere al “Tombolato”:Sono due squadre in salute. Saranno molto attente a non fare passi falsi, ma credo che sarà una gara a viso aperto, scoppiettante”.

L’attaccante classe 1984 non fa drammi per quanto riguarda la lunga sosta che ha coinvolto i granata: “Sono state due settimane lunghe. Non ho dubbi sulla professionalità dei calciatori che si sono sempre allenati e son già pronti per scendere in campo sabato”.

Sul Cittadella, un ambiente che Iunco conosce bene, essendo tesserato fino allo scorso anno con i veneti: “Il Cittadella è una grande squadra, ha una società lungimirante che sa programmare e lascia allenatore e giocatori in tranquillità e serenità. Questo fa la differenza in B”.

Sulla mancata permanenza alla Salernitana dopo quegli ottimi sei mesi del 2009: “Il mio cartellino era di proprietà del Chievo, avevo una mezza parola con il direttore, poi però scelse altra gente e andai al Cittadella con cui riuscii a fare la mia migliore stagione, al punto da rilanciarmi definitivamente in carriera. Il ricordo più bello che ho di Salerno è la salvezza, avvenuta nonostante tanti cambi allenatori. Era un po’ difficile lavorare, per fortuna che si è riusciti ad ottenere la salvezza. La piazza meritava quello ed è andata bene”.

Sul segreto per ritornare ad emergere dalle categorie inferiori: “Non serve solamente la proprietà con soldi. Avere i soldi non vuol dire vincere. In Serie B, ad esempio, serve programmazione, tranquillità. I tifosi vogliono vincere e vogliono avere tutto e subito, ma non sempre è possibile. Chiaro che, però, avere un gran seguito fa sempre bene”.

Tra gli attaccanti della Salernitana c’è un ex compagno di squadra, come Riccardo Bocalon, che Iunco elogia: “Lui vive per il goal e questo è un buon punto di partenza in granata. In ogni caso, gli attaccanti della Salernitana possono fare male a tutte le avversarie. Del resto, parla la classifica. 20 punti in classifica sono là e non è ancora finita”.  

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement

Leggi anche

Advertisement

Altre news in News

Segnala questo articolo via Email