Connect with us

News

Squadre B e multiproprietà, incontro a Torino. Gravina apre: “Tema va affrontato”

AGGIORNAMENTO 16.50 – Nell’incontro odierno avvenuto a Torino, il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Gabriele Gravina, ha aperto dopo essere stato sempre abbastanza restio alle multiproprietà. Queste le sue dichiarazioni principali sul tema che interessa molto da vicino la Salernitana: “Come sapete sono sempre stato contrario, ma bisogna anche essere leali nel riconoscere che oggi ci sono multiproprietà ufficiali che si stanno concretizzando con alcuni arrivi dalla LND, ma ci sono anche multiproprietà in termini di collaborazione diretta e altre indirette. Quelle che derivano dalla capacità di alcuni presidenti di prendere in valorizzazione esclusiva, come esclusiva attività della proprio mission, calciatori da altre leghe professionistiche e vivere solo su aspetti legati alle valorizzazioni. Questo credo non sia il modo migliore di parlare di formazione, credo sia l’ora di guardare in faccia al futuro togliendo quel cosmetico di superficialità costante. È il momento del coraggio e credo che io per prima devo assumermi le responsabilità di adattare i provvedimenti necessari. Il nostro mondo ha bisogno di scelte decise, decisive ed importanti. Bisogna avere il coraggio di farlo e sono convinto che questo coraggio ci sarà nel presidente Ghirelli e in tutti gli altri presidenti coinvolti. Il momento di rinnovamento attraverso questi passaggio di coraggio deve portare a trovare la migliore soluzione e il miglior equilibrio in un mondo pieno di insidie e contraddizioni che sicuramente è migliore di quello che tanti vogliono farlo apparire”.

Sulle seconde squadre, il presidente della FIGC ha aggiunto: “Il progetto seconde squadre è partito male, come vanto politico di qualcuno che non sapeva di cosa stesse parlando. Non entro nel merito di valutazioni politiche, ma è stata un’azione di forza senza una visione e questo porta a commettere errori – ha proseguito -. Difenderò il progetto seconde squadre in tutte quelle caratteristiche legate alla dignità del progetto stesso: mi aspetto da questa giornata che ci siano indicazioni chiare su quante dovranno essere le società con diritto di partecipare alle seconde squadre e quale sia la mission della Lega Pro. Inserire il progetto con forza, con convinzione per poi difenderlo”.

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
L’esperimento seconde squadre non sta funzionando. In questa stagione la sola Juventus ha iscritto la propria squadra Under 23 al campionato di Lega Pro ma non sempre schierando giovani prospetti nelle partite di campionato. In un intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport il Presidente Federale Gabriele Gravina ha ammesso che questo progetto “non premia i giovani e non è funzionale al sistema”. Inoltre resta da capire perché solo un club di A ha aderito a questo format.

Oggi Gravina sarà a Torino, per un incontro con i club di terza serie proprio su questo tema. All’Allianz Stadium, però, si parlerà anche di multiproprietà proprio come alternativa alle seconde squadre ufficiali: “Ne esistono di occulte, a questo punto riflettiamo se introdurle alla luce del sole“, ha detto Gravina. Il tema che interessa molto da vicino la Salernitana è ormai all’ordine del giorno. Sempre più imprenditori optano per la doppia squadra, naturalmente con Lotito e De Laurentis a capo della schiera. Ma non solo. Il caso va discusso e sicuramente si deve trovare una soluzione, il calcio italiano sta cambiando ed è giusto che il regolamento si adegui alla nuova piega che sta prendendo il mondo del pallone dello stivale.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement

Leggi anche

Advertisement

Altre news in News

Segnala questo articolo via Email