Connect with us

Giovanili

Ferraro senza parole: “Dobbiamo lavorare sulle conclusioni e sulla cattiveria sotto porta”

Mister Ferraro non riesce ancora a credere che la sua squadra non sia riuscita a segnare nemmeno un gol contro il Palermo, anzi ha perso 2-0: “Non è solo imprecisione, credo che quando continui a perseverare sugli errori li paghi. Per quello che creiamo non riusciamo a far gol, loro capitalizzano il massimo mentre noi facciamo grandissima fatica. Se creiamo quindici palle gol e non ne concretizziamo nemmeno una, mentre il nostro portiere non fa nemmeno una parata e alla fine perdi 2-0 non so cosa dire. Dobbiamo lavorare sul discorso delle conclusioni e lo stiamo facendo, bisogna anche capire cosa non va e perché sbagliamo. Oggi ho visto una grandissima partita per abnegazione, meglio di così non si poteva fare, ma è la quarta partita da cui usciamo con le ossa rotta”.

Poi l’allenatore dei granatini quasi scherza: “Dobbiamo cercare almeno di non prendere gol e così portiamo a casa lo 0-0, fin quando non riusciremo a migliorare sotto porta. Ma anche il gol subito fa male, è una situazione facilissima da leggere, non è nemmeno una situazione su cui allenarsi. Se fai almeno un gol i ragazzi almeno prendono fiducia. Sarei più preoccupato se la squadra non crea, ma in un frangente del genere non posso esserlo, posso essere solo rammaricato e dispiaciuto per i ragazzi, con cui dovrò lavorare sulla cattiveria. Sono sereno e ho fatto i complimenti ai ragazzi, perché così come abbiamo preparato la partita loro l’hanno impostata in campo, meglio di questo non posso chiedere”.

L’altro difetto della gara, oltre alla leggerezza con cui è arrivato l’1-0 e la scarsa concretezza sotto porta, è stato il troppo nervosismo evidenziato dai granatini, caduti facilmente preda delle provocazioni degli avversari: “Se fai un gol l’inerzia cambia, invece se non ci riesci i ragazzi perdono fiducia e si innervosiscono. La scaramuccia ci sta anche perché chi è in vantaggio cerca sempre di istigare gli altri perdendo tempo e il resto. Bisogna cercare di rimanere il più tranquilli possibili perché se ci riesci ne trai vantaggio, ma è difficile farlo sempre e anche questa cosa non si può allenare”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement

Leggi anche

Advertisement

Altre news in Giovanili

Segnala questo articolo via Email